logotype
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

 

La ricerca di una gravidanza.

La ricerca della felicità

 

Autrice: Alessandra Venegoni

 

 

Solitamente ci troviamo a congratularci con una coppia per la lieta notizia: l’instaurarsi di una gravidanza ed il futuro arrivo di un bebè. Molto raramente, tuttavia, veniamo a conoscenza di cosa sia successo in famiglia nei mesi precedenti.

In una coppia che cerca un figlio e in cui l’età della donna è inferiore ai 35 anni, si considera fisiologico attendere una gravidanza fino a 12 mesi di rapporti completi non protetti. In donne con età superiore ai 35 anni si aspettano almeno sei mesi prima di prendere in considerazione un problema di fertilità.

Dai dati statistici sappiamo che l'85 % delle coppie ottiene una gravidanza entro un anno se ha rapporti sessuali non protetti e regolari (ogni 2-3 giorni), solo il 25% delle coppie raggiunge il concepimento entro un mese, il 50% entro 6 mesi.

Sempre secondo le statistiche, il 15-25% delle gravidanze si interrompe spontaneamente nel primo trimestre. Si tratta di un dolore spesso minimizzato. La donna invece non si sente supportata, compresa, si sente sola, crede che lo spiacevole accaduto sia successo solo a lei, quindi va rassicurata avendo bisogno di una maggior vicinanza ed empatia.

Quando una coppia matura l’idea di ricercare una gravidanza, ciò avviene solitamente dopo un periodo di riflessioni e pianificazioni. Inizia così una fase carica di emozioni, aspettative e paure, una enorme ansia da prestazione che fa percepire ogni mestruazione come una sconfitta. Bisognerebbe invece godersi questo periodo di intimità come tappa fondamentale per nutrire, rafforzare e far crescere il rapporto di coppia.

In questa fase ogni donna riscopre il proprio corpo, entra in sintonia con esso. Il ciclo mestruale può avere durata variabile, solitamente compresa tra 25 e 35 giorni, attorno alla metà del ciclo generalmente avviene l’ovulazione (rilevabile dal cambiamento della consistenza del muco vagine che risulterà più fluido, filante e trasparente, simile all’albume d’uovo), la cellula uovo avrà vita media di 24/36 ore, mentre spermatozoi in buona salute sopravvivono circa 3-4 giorni in presenza di muco fertile. Ne consegue che i giorni più fertili sono i 4-5 giorni precedenti l’ovulazione e i giorni immediatamente successivi ad essa. Se l’ovocita non viene fecondato andrà incontro a disfacimento e si presenterà la mestruazione, se invece viene fecondato inizia la divisione cellulare e la formazione dell’embrione, Circa due settimane dopo la donna avverte la mancata mestruazione e solitamente, dopo 3-4 giorni ancora, eseguendo il test, scoprirà la gravidanza.

È di fondamentale importanza che la donna assuma acido folico (0.4 milligrammi al giorno), almeno due mesi prima dell’inizio dei rapporti fecondanti. Si tratta di una vitamina

necessaria per la prevenzione dei difetti nello sviluppo del tubo neurale dell’embrione, dal quale deriva colonna vertebrale, midollo spinale ed encefalo. L’assunzione va proseguita fino al terzo mese di gravidanza. E’ inoltre consigliato, prima di una gravidanza, una visita ginecologica (nel caso non sia stata eseguita nell’ultimo anno), una visita senologica se si ha più di 25 anni e l’esecuzione del Pap test (se non eseguito negli ultimi anni).  Vi sono poi degli esami del sangue preliminari previsti dal SSN e gratuiti, inserendo l’esenzione M00. In questo modo, in base ai risultati degli esami, si può anche valutare ad esempio se è necessario effettuare vaccinazioni per proteggere poi il feto durante la gravidanza (ad esempio il vaccino della rosolia).

Non da ultimo è importante che la coppia adotti uno stile di vita sano: mangiare molta frutta e verdura, idratarsi correttamente, non bere alcolici né fumare, fare attività fisica.

L’arrivo di un figlio, fin dal momento del concepimento, è un enorme dono nato da un grande gesto d’amore. Per la coppia è una fase di importante crescita, da vivere in maniera consapevole, facendosi stupire quando il sogno di allargare la famiglia sarà coronato. Nelle nostre vite spesso desideriamo progettare tutto, per la gravidanza questo non è possibile, accadrà quando meno la aspettiamo, anche la fase di attesa è un percorso ricco di emozioni, l’inizio della salita, ma la meta raggiunta ripagherà i giorni trascorsi nella speranza del suo arrivo.

Alessandra Venegoni

Ostetrica del Consultorio

 

2021  UCIPEM NAZIONALE   globbers joomla templates